Colli Euganei, Paccagnella stringe i denti

Questo articolo è anche in formato audio

Uno stiramento alla spalla destra penalizza la pilota di Saccolongo che non demorde ed archivia il terzultimo atto del Campionato Italiano Slalom al secondo in HST21600.

Saccolongo (PD), 20 Settembre 2021 – Un risultato sofferto, ben oltre quanto riportato dalla classifica finale, che è in grado di fortificare il morale, quello ottenuto da Alice Paccagnella in occasione dell’ottava edizione dello Slalom dei Colli Euganei, Città di Este, corso nel weekend.

Vittima di un problema fisico, uno stiramento alla spalla destra, a pochi giorni dal via del terzultimo round del Campionato Italiano Slalom, la pilota di Saccolongo non mollava la presa.

È stata una gara a dir poco impegnativa” – racconta Paccagnella – “ma non tanto dal punto di vista del percorso quanto da quello fisico. Qualche giorno prima della gara ho fatto un movimento sbagliato e questo mi è costato lo stiramento della spalla destra. In gara ne ho risentito davvero molto ma questo non mi ha impedito di affrontare tutte le manche previste.”

Passata dalle auto moderne a quelle storiche la portacolori di Rally Team faceva sentire la propria voce già dalle prove ufficiali, firmando il quarto parziale assoluto ed il secondo in classe.

Abbiamo montato gomme da bagnato in ricognizione” – sottolinea Paccagnella – “perchè il tempo non prometteva nulla di buono. Anche se ho dovuto riprendere un po’ la mano, almeno nella parte iniziale, potevamo considerarci soddisfatti del risultato che avevamo ottenuto.”

Alla guida dell’Opel Corsa GSI 8 valvole gruppo A, seguita da Race Group, Paccagnella si trovava in difficoltà con le gomme da asciutto, rischiando grosso e buttando al vento gara 1.

Ritornata a montare le coperture da bagnato la patavina riacquistava il giusto feeling, firmando due quinte prestazioni, nella generale, e mettendosi in scia alle posizioni a ridosso del podio.

Il sesto posto finale, secondo di classe HST21600 dietro al vincitore assoluto, è da considerarsi comunque positivo, viste le condizioni fisiche con le quali la patavina si è trovata a confrontarsi.

In gara 1 non siamo riusciti a portare le gomme in temperatura” – aggiunge Paccagnella – “ed al secondo tornante mi è scivolato il posteriore. Avrò perso almeno trenta secondi per riuscire a ripartire. Ritornati con le rain sono riuscita a riprendere confidenza, migliorando. Guardando ai tempi del femminile avrei vinto ma, negli slalom, noi storiche non facciamo classifica. Grazie, di cuore, ai ragazzi di Race Group perchè si sono fatti in quattro per rispettare i tempi. Grazie ai partners che mi hanno appoggiata, per questo evento, ed anche alla scuderia Rally Team.”

Una settimana che si preannuncia cruciale per il destino sportivo di Paccagnella.

I prossimi giorni saranno molto importanti per me” – conclude Paccagnella – “perchè stiamo lavorando, già da inizio anno, ad un grosso cambio di rotta. Vedremo se riusciremo a portarlo in porto perchè ci terrei davvero molto. Sarebbe una nuova ed entusiasmante sfida per me.”