È tempo di bilanci di fine stagione per la Zero40 Racing Team

Questo articolo è anche in formato audio

A conclusione di un anno intenso e ricco di emozioni, sono 3 i piloti marchiati Zero40 Racing Team ad aggiudicarsi un titolo Nazionale.
Emanuele Aralla, su Dallara 390 F.3 e Oscar Gadaldi su Renault 5 GT Turbo sono Campioni Italiani di Classe E5 e J2 A+2000 nel Campionato Italiano Velocità Salita Autostoriche. Denis Mezzacasa su F.Renault 2.0 si aggiudica il titolo di Campione Trofeo Italiano Velocità Montagna classe E2SS 2000, piazzandosi secondo di Gruppo e concludendo terzo di gruppo alla Finale Nazionale T.I.V.M. ad Orvieto.

“Un’altra annata ricca di soddisfazioni – commenta Matteo Aralla, Team Manager della scuderia che ha sede a Robbiate (LC) – dove siamo riusciti a centrare tutti gli obiettivi che ci eravamo prefissati ad inizio stagione. L’unico rammarico è non aver potuto lottare per il titolo Scuderie nel C.I.V.S.A. per colpa del mio ritiro alla Coppa della Consuma che ci ha privato di punti importanti e che alla fine hanno fatto la differenza. Sono molto felice dei miei ragazzi, il gruppo sta crescendo sia sportivamente che umanamente e questo mi dà grande soddisfazione. Come ho sempre detto la nostra è una “grande famiglia” dove ci si aiuta a vicenda, con lo scopo di dare a tutti la possibilità di dare il proprio massimo. Devo assolutamente complimentarmi con i 3 Campioni Italiani perché hanno condotto un’annata magistrale, senza errori e portando a casa piazzamenti importanti con vetture sulla carta meno performanti rispetto alla concorrenza. Non è mai facile vincere un Campionato Italiano perché  all’affidabilità della vettura bisogna sommare la costanza di rendimento del pilota e non sempre ci si riesce, soprattutto se l’anno di gare è lungo e gli avversari sono agguerriti, come nel nostro caso. Altro aspetto di cui vado orgoglioso dei miei piloti è che guidano auto che rispecchiano fedelmente i dettami regolamentari senza voler cercare escamotage per migliorare le proprie performance. Dico questo a voce alta perché capita sempre più spesso di doverci confrontare con vetture di pari categoria che sono palesemente fuori regola senza poterci opporre poiché ormai, in Italia, le verifiche per il rilascio dei documenti delle vetture (HTP e Passaporti Elettronici) e quelle post gara vengono eseguite “all’acqua di rose”, per non dire che, anche qui, il clientelarismo è di casa. Detto ciò, guardiamo avanti e ci stiamo già preparando per la prossima stagione che, anche grazie all’aiuto dei nostri partner, vorrà essere migliore di quella appena passata. L’idea è quella di migliorarci sempre di più puntando ad obiettivi sempre più ambiziosi e cercando nuove sfide come i campionati in pista. Saremo sicuramente impegnati nel Campionato Italiano Velocità Montagna, di nuovo nel Trofeo Italiano Velocità Montagna e nel Campionato Italiano Velocità Salita Autostoriche e nel nuovo Campionato Italiano F.3 Historic Cup in Pista. Altri programmi sono in via di definizione. Vedremo cosa ci riserverà il futuro, noi intanto ci tiriamo su le maniche e iniziamo a lavorare sodo perché le premesse sono davvero buone e gli obiettivi importanti”