Emergenza Epidemiologica COVID-19, Corona virus | Decisioni ACI Sport aggiornato al 5 marzo

Questo articolo è anche in formato audio

A seguito dell’entrata in vigore DPCM del 4 marzo 2020

ACI Sport COMUNICA

– fino alla data del 3 aprile 2020, sono consentite tutte le manifestazioni sportive, tranne che nei comuni indicati nell’allegato 1 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 1 marzo 2020 e successive modificazioni;

– lo svolgimento delle suddette manifestazioni è consentito, se all’interno di impianti sportivi, solo a porte chiuse e, se all’aperto, esclusivamente senza la presenza di pubblico; in tale ultimo caso, gli organizzatori dovranno garantire l’assenza del pubblico ed informare la Prefettura competente per territorio ai fini del monitoraggio di cui all’art. 3 del citato DPCM;

– gli organizzatori, attraverso personale medico, sono tenuti ad effettuare i controlli idonei al contenimento del COVID-19 tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano.

NOTA ESPLICATIVA

E’ confermata il rinvio fino al giorno 3 aprile, di tutti gli avvenimenti motoristici sportivi nella zona Rossa  (Bertonico; Casalpusterlengo;   Castelgerundo; Castiglione D’Adda; Codogno; Fombio; Maleo; San Fiorano; Somaglia; Terranova dei Passerini; Vo’).

Nelle altre zone d’Italia sempre fino al 3 aprile 2020 non si potranno svolgere all’aperto manifestazioni con la presenza di pubblico e senza l’organizzazione di un presidio medico che controlli gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano. Gli obblighi degli organizzatori sono sopra riportati.

Fino al 3 aprile sono rinviate anche tutte le gare valide per titolazioni nazionali, per ragioni di equità sportiva.