Giuseppe Agnello, inverno in prospettiva 2021

Questo articolo è anche in formato audio

Periodo di preparazione per Giuseppe Agnello in vista dell’imminente ripresa della stagione agonistica in salita. 

Il pilota, dall’alto della sua grande esperienza, sia su macchine coperte che scoperte, rinnova anche per quest’anno l’impegno nelle gare in salite.

I titoli conseguiti nella “rivisitata” stagione 2020, lo hanno motivato a ritentare l’assalto nel 2021. La fida Lotus Exige, con cui corre per il quarto anno, è sotto le cure di motorista ed elettronico che stanno lavorando al meglio per tirare fuori il vero carattere della due posti inglese.

Le salite del centro Italia vedranno il portacolori dell’ACN Forze di Polizia, sfidarsi con i contendenti di gruppo con l’intento di primeggiare nella categoria 2000cc del gruppo E2-SH che è l’espressione massima dell’elaborazione di auto di serie.

Prima di ogni altra cosa, vorrei ringraziare tutti gli organizzatori che nella scorsa stagione, nonostante il clima di emergenza, si sono impegnati anima e cuore nell’organizzazione delle gare. Al di la di restrizioni, regolamenti cambiati e adattati alla pandemia che ancora stiamo vivendo, ci hanno permesso, anche se in forma ridotta di non rinunciare alla nostra passione più grande. Meritano un applauso particolare, tutti.

Ma guardando al futuro la parola d’ordine è sviluppo. I titoli conseguiti lo scorso anno, che mi hanno visto primeggiare nella Categoria E2-Sh Classe 2000 e secondo assoluto nella classifica generale di gruppo, mi hanno dato stimolo per essere più competitivo nella stagione che sta per iniziare.

Grazie al prezioso supporto di Fabrizio della Argini Motorsport che sta curando l’elettronica e di Massimiliano della Duemme Motorsport che sta curando il rialzo di motore, conto oltre ad incrementare la cavalleria della mia auto, di rendere più affidabile il mio mezzo.

L’idea è quella di puntare al titolo del neonato TIVM Centro, con le prime gare già da aprile e poi chissà, l’appetito vien mangiando. Se punteggi e piazzamenti lo permetteranno valuterò durante la stagione se estendere gli impegni agonistici anche alla titolazione nazionale di classe, come avvenuto nello scorso anno.

Tutto questo ovviamente non sarebbe possibile senza la preziosa collaborazione di Auriga Motorsport che cura egregiamente tutta la parte logistica ed organizzativa delle mie trasferte.

Buoni propositi e volontà ci sono, sul mezzo stiamo lavorando a testa bassa. Tra poco più di due mesi arriverà il momento, finalmente, di indossare tuta e casco, di accendere i motori ed “assaltare” i bellissimi percorsi italiani
Ufficio Stampa–
www.unopuntootto.it