Indicazioni sulla presenza di pubblico agli eventi e alle competizioni sportive

Questo articolo è anche in formato audio

A decorrere dal 1° giugno 2021 nei territori che sono almeno in zona gialla è consentito lo svolgimento di eventi e competizioni sportive in presenza di pubblico, esclusivamente con posti a sedere preassegnati e a condizione che sia assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi, sia per il personale.

La capienza consentita non può essere superiore al 25 per cento di quella massima autorizzata e, comunque, il numero massimo di spettatori non può essere superiore a 1.000 per impianti all’aperto e a 500 per impianti al chiuso.

Le attività devono svolgersi nel rispetto delle linee guida adottate dalla Presidenza del Consiglio dei ministri – Dipartimento per lo sport, sentita la Federazione medico sportiva italiana (FMSI), sulla base di criteri definiti dal Comitato tecnico-scientifico. Qualora non sia possibile assicurare il rispetto delle predette condizioni, gli eventi e le competizioni sportive si svolgono senza la presenza di pubblico.

In relazione all’andamento della situazione epidemiologica e alle caratteristiche degli eventi e delle competizioni sportive all’aperto può essere stabilito un diverso numero massimo di spettatori, nel rispetto dei principi fissati dal Comitato tecnico-scientifico, con linee guida idonee a prevenire o ridurre il rischio di contagio, adottate dal Sottosegretario con delega in materia di sport.

Tali linee guida possono prevedere, con riferimento a particolari eventi, che l’accesso sia riservato soltanto ai soggetti in possesso delle certificazioni verdi COVID-19, comprovanti lo stato di avvenuta vaccinazione o guarigione dall’infezione da COVID-19, ovvero l’effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al COVID-19.