La 2^ CoppaFaro chiude il CIVSA con la vittoria di Stefano Peroni su Martini MK32

Questo articolo è anche in formato audio

Pesaro- Stefano Peroni su Martini Mk32, si aggiudica la vittoria assoluta basata sul riscontro cronometrico, della 2^ Coppa Faro, dopo una lotta sul filo del rasoio con Uberto Bonucci e la sua Osella PA9/90 B.M.W.. La gara pesarese, ultimo round del CIVSA 2019, ha visto una sfida entusiasmante fra due protagonisti, che sui 3,800 metri che dalla riva del mare di Baia Flaminia hanno portato i concorrenti al Faro che sovrasta il Porto di Pesaro, attraverso il suggestivo scenario del Parco Naturale San Bartolo. Bonucci si è aggiudicato la prima manche con il tempo di 2’06”.73, precedendo Peroni per meno di mezzo secondo. Nella seconda manche complice qualche sbavatura del plurititolato driver senese, è stato il giovane fiorentino portacolori del Team Italia a stabilire il miglior crono, sfruttando al meglio tutti i cavalli della sua splendida Martini MK32, con il tempo di 2’03”76, Peroni ha fatto suo il primo gradino del podio con un riscontro totale di 4’10”.90, mentre Bonucci si è fermato a 4’12”.10. Fra i due ha provato ad inserirsi il “ritrovato”, fra le Storiche, Stefano di Fulvio, ma l’abruzzese sempre grintoso,ha pagato senz’altro il gap di cavalli della sua comunque performante e bella Lucchini SP90 in versione sport nazionale. Di Fulvio ha comunque conquistato la seconda piazza nel 4 Raggruppamento, precedendo Piero Lottini, che con la sua Osella PA 9/90,dopo una prima manche opaca, ha provato il recupero su Di Fulvio precedendolo nella seconda frazione, ma in modo non sufficiente per sopravanzarlo. Entusiasmanti anche le battaglie negli altri Raggruppamenti, nel 1 “vola” Tiberio Nocentini con la sua splendida Chevron B19, l’alfiere del Team Italia ha regolato il neo campione di raggruppamento Angelo De Angelis , che con la sua Nerus Silhouette ha preceduto la singolare e performante Austin Healey Sprite Lenham,prodotta artigianalmente nella cittadina inglese che le da il nome, del senese Lupi Grassi. Nel 2 Raggruppamento con ben 26 partenti, avvincente bagarre fra le due Osella PA3, con Peroni Giuliano che fa pari con la vittoria del figlio Stefano, precedendo di soli 3 decimi, l’ex pistard Mario Massaglia, che si sta adattando in fretta al mondo delle salite. Al terzo posto troviamo Brando Motti,che dopo una battaglia “interna” sia come auto sia come scuderia, ha la meglio sull’altra Porsche Carrera RS, di Giuliano Palmieri, tutti e due per i colori della Scuderia Bologna. Nel 3 Raggruppamento ancora battaglia fra le coupè di Stoccarda, a bordo di due 911 Sc “gemelle” la spunta Giuseppe Gallusi su Sergio Galletti. Terzo gradino del podio per il “Pasticcere volante” siculo-emiliano, Salvatore Asta,con la B.M.W.2002Ti. Del podio riguardante il 4 Raggruppamento ne abbiamo già parlato ampiamente,lo ripetiamo per dovere di cronaca: Bonucci,Di Fulvio, Lottini, che altro…dire. Anche il 5 Raggruppamento lo conosciamo già per il vincitore Stefano Peroni, meritano una citazione il secondo classificato Antonio Angiolani, con la splendida March 783 e l’ottimo Maurizio Rossi con la sua F.Alfa Boxer. Segnaliamo anche l’ ottima prestazione di “Lady Racing” Gina Colotto, con la sua Fiat Abarth 033, oltre a confermarsi nel titolo femminile, ha messo dietro come spesso accade dei maschietti di esperienza. Fra le Scuderie “egemonia” della “Scuderia Bologna Squadra Corse” seconda piazza per la “Valdelsa Classic” che precede il “Team Italia”,che si consola con l’assoluto di Stefano Peroni, ed il secondo di Bonucci. Ottimo il risultato per il marchigiano “Team-One Motorsport” a ridosso del podio. Due i piloti di Pesaro in gara, l’ideatore e promotore della Coppa Faro, Alessandro Rinolfi, come sempre spettacolare e veloce su un percorso che conosce ovviamente a memoria, dove ha “danzato” con la sua Morris Mini Cooper “S”, chiudendo al primo posto del periodo “1 F” Turismo 1.300, e quinto del 1 Raggruppamento dietro a macchine con il doppio della sua cilindrata. L’altro pilota della “Città di Rossini” in gara è stato Roberto Domenichelli, con esperienza fra le moderne , per la gara di casa Domenichelli una-tantum è salito, per la prima volta nelle ricognizioni del sabato ,su una performante e bella B.M.W. 2002 Ti del 2 Raggruppamento, ottenendo un lusinghiero quarto posto nel Gr 2 TC 2.000. La Coppa Faro organizzata dalla esperta “P&G Racing”, con il supporto della “Intercontact s.r.l.”, si propone come un evento non solo fine ai motori. Con il Paddock e la Direzione gara in “riva”al mare, l’ampia offerta di prelibati ristoranti di pesce, ed il Centro Storico, con la casa natale di Gioacchino Rossini, l’omonimo Teatro ed il Conservatorio, che hanno fatto si di essere riconosciuta come “Città della Musica” dall’Unesco, Pesaro completando l’opera con un percorso di gara suggestivo in uno dei più ampi Parchi Naturali nazionali, si candida a divenire un appuntamento classico del CIVSA.

Roberto Saguatti