MSC eCEM: Antonello Bruno vince a Mont Dore

Questo articolo è anche in formato audio

È Antonello Bruno a trionfare nella settima tappa del Campionato Europeo della Montagna virtuale, serie organizzata da Modders Squadra Corse sulla piattaforma di Assetto Corsa. Il pilota Calabrese in terra Francese è tornato alla vittoria a bordo della Norma M20 FC, distaccando di due secondi Manolo Polonioli su vettura gemella e Giovanni Falci su Dallara GP2 che ha conquistato la terza piazza assoluta.

Antonello Bruno in azione a Buzet


In gruppo E2SS vittoria quindi per Giovanni Falci, che ha sopravanzato Renato Sambataro su Reynard 92D e Luca Sciortino terzo di gruppo su Osella FA30 e che avrà molto da recriminare dopo una gara 1 difficile, ma con una salita successiva che lo ha messo sui tempi di una possibile vittoria assoluta ma penalizzato dagli intoppi avuti nella prima salita, sicuramente questo darà modo a Sciortino di poter ricaricare le batterie ed essere cosciente che il passo è quello giusto.
In E2SC, oltre ai già citati Bruno e Polonioli, il terzo posto è andato al sempre leader di classe 1600 Daniele Tonetta su Radical SR4.
In gruppo CN, ottima vittoria per Omar Sertori, che con un gran passo è riuscito anche a piazzarsi quinto assoluto con la sua Osella PA21 di classe 2000. Dietro Sertori, si è piazzato Marco Cassata su Norma M20 FC di classe 2000 e Maurizio Capuzzo con l’Osella PA20, con lo stesso Capuzzo che ha vinto la classe 3000. Sul podio di classe 2000, da segnalare la terza posizione di Mariano Lombardo su Norma M20 FC.
In E2SH, vittoria per Antonio Matraxia a bordo della BMW 320 JUDD di classe +3000.
In Gruppo E1, vittoria per Maurizio Cangiano su Alfa Romeo 155 GTA e che è stato bravo ad approfittare di una sbavatura di Andrea Sorlini su Lancia Delta S4. Infatti Sorlini era stato perfetto in gara 1, ma un piccolo errore in gara 2 gli è costato qualche secondo che lo ha piazzato dietro Cangiano per quasi un secondo e mezzo. Terzo di gruppo il vincitore della classe 2000 Davide Pisano, che anche in questa gara si è dimostrato una vera scheggia sulla Golf MK1. Per chiudere il cerchio sulle vetture di classe +3000, terzo posto per Luca Gandini su Alfa Romeo 155 GTA.In classe 2000, come già ribadito Pisano sembra non aver avuto rivali, con Jo Calabrese su BMW 320i e Noel Pinti su Golf MK1, che hanno subito un bel gap. Un motivo per i due piloti a podio, di volersi riscattare già dalle prossime gare.In 1600T, vittoria in solitaria per Maurizio Fallico su Fiat Uno Turbo.In 1600, gara super per Alessio Vacirca che ha imposto un ritmo veramente importante, mettendosi dietro Alessio Bruno e Simone Vacirca, con questi ultimi che hanno dato vita ad una sfida vera e con un distacco finale di soli due decimi dopo le salite di gara. Tutti e tre i piloti a podio in classe 1600, erano allo start a bordo della Peugeot 106.In classe 1150, bella vittoria per Salvatore Arcarisi che è stato bravo ad imporre il proprio ritmo che non ha visto sbavature da parte del pilota su A112. Arcarisi ha preceduto nella classe di appartenenza, Alessandro Colletti su Fiat 127 e Giuseppe Lupo su A112.
In gruppo A, ennesima affermazione per Salvatore Tuttolomondo con la sua Mitsubishi Lancer Evo VI di classe +3000. A seguirlo su auto gemella Liborio Chiapparo e Gaetano Lombardo.In classe +2000, vittoria in solitaria per Alessio Vagelli su BMW 325i e in classe 2000 a trionfare è stato Ivan Berardi su Peugeot 205 GTI.In classe 1600, ottima gara di Claudio Pasculli che ha vinto la classe di appartenenza con la sua Citroen Saxo, davanti a Domenico Balestra su Peugeot 106 e Donato Pinto su Citroen Saxo.Nella classe riservata alle 1300, vittoria in solitaria per Angelo Martucci su Peugeot 106.
Nelle Bicilindriche, continua il buon momento di Giuseppe Oliva che ha dato seguito alla vittoria di Buzet. Oliva ha preceduto Orazio Prastani e un Ayrton Molinaro che ha avuto qualche intoppo di troppo in gara 1, dove ha fatto registrato un riscontro cronometrico alto.
Per chiudere la Modern Pack di MSC, nelle storiche vittorie per Leonardo di Bari in TC 1600 a bordo della sua Alfa Romeo GTA e per Marcello Gabrielli in SIL 1600 a bordo della Fiat X1/9.
Passiamo allo Starter Pack, dove in Gruppo N Leo Cucca è stato un vero martello e si è piazzato davanti a tutti con la sua BMW 320i di classe 2000. Dietro di lui si son piazzati Alessandro Mazzonelli e Samuele Perez, entrambi su Renault Clio Williams.
Nelle Racing Start, vittoria in classe 1.6 turbo per Luigi Gravino sulla Mini Cooper JCW, che ha preceduto per appena tre decimi un buon Armando Luogo su auto gemella. Terzo Kristian Fiorucci, che su Renault Clio ha chiuso ad un secondo dalla vetta e con la consapevolezza di un’ottima gara 1. Una bella sfida tra i tre piloti a podio, che hanno comunque messo in gara un ottimo passo.In classe 1.4 Turbo, grande prestazione per Claudio Barbagallo che ha trionfato davanti a Salvatore Miccichè e Alessandro Bulgari, con tutti e tre i piloti che erano allo start a bordo della Abarth 595 SS.Passando alle aspirate, Nicola Pio Restagno sembra non avere rivali in queste ultime gare e in Francia alla Mont Dore ha dato l’ennesima conferma. Restagno su Renault Clio RS di classe 2000 ha preceduto Michele Petrolo e Salvatore Vitaggio, entrambi su Honda Civic Typer R.
Messa alle spalle la tappa Francese, il mondo MSC farà pausa per qualche giorno per poi ritrovarsi in terra di Sicilia alla Monte Erice, il 18 e 19 Maggio con le consuete dirette sui social di Modders Squadra Corse, che vi invitiamo a visitare. A raccontarvi gli avvenimenti nei post gara sarà sempre “Cronoscalate Che Passione”, Media Partner di MSC.