Presentata la 46° Catania Etna

Questo articolo è anche in formato audio

Con la conferenza stampa di ieri 23 giugno indetta dall’Automobil Club di Catania presso l’Hotel Nettuno di Catania, si è concluso l’ultimo atto “istituzionale” della 46° Catania Etna: alla seconda presentazione dell’evento ha partecipato ancora una volta il sindaco della città metropolita di Catania Salvo Pogliese, che ha assicurato il suo pieno appoggio alla manifestazione garantendo in extremis anche la sistemazione di due curve con delle sconnessioni che sono state asfaltate.

Alla conferenza erano presenti anche il sindaco di Nicolosi, dott. Angelo Pulvirenti, ed in rappresentanza del comune di Belpasso l’assessore Salvo Pappalardo. A fare gli onori di casa è stato il direttore dell’ACI di Catania dott. Carlo Sorbello. La manifestazione era in programma lo scorso 23 maggio, ma l’improvvisa ripresa dell’attività eruttiva dell’Etna ha consigliato prudenzialmente lo spostamento della gara, non potendo prevedere nell’immediato gli sviluppi di questa eruzione. Grazie allo sforzo del Delegato Regionale Acisport Daniele Settimo, coordinatosi con il Presidente della Commissione Velocità in Salita Alessandro Battaglia, è stata trovata la nuova data nel fitto calendario del 2021. Ora che è appurato che l’attività eruttiva è simile a quella dei mesi precedenti, con episodi parossistici che non rappresentano alcun pericolo, la manifestazione è stata confermata in piena sicurezza. Alla pulizia del tracciato, che è stato marginalmente interessato da ricaduta di cenere, provvederà il comune di Belpasso domani, venerdì. Proprio quando la manifestazione entrerà nel vivo con le verifiche sportive e tecniche che si svolgeranno presso il Municipio di Belpasso. Le iscrizioni si sono chiuse con 147 piloti iscritti, decisamente meno dei 184 attesi il 23 maggio, ma la Street Racers, che organizza la gara, è concentrata sull’obiettivo della realizzazione della 46° Catania Etna, a prescindere da quanti saranno i partecipanti. Gli assenti hanno sempre torto. Ma forse.. mai come in questo caso.

                                                                                                                               ufficio stampa Scuderia Catania Corse

Max Lo Verde