Prima volta di Achille Lombardi in Sardegna alla Alghero Scala Piccada ottimi tempi pur senza la sfida degli avversari diretti

Questo articolo è anche in formato audio


Alghero (SS), 13 Settembre 2020. Per la quarta tappa del Campionato Italiano Velocità Montagna bisogna sbarcare in Sardegna, una trasferta difficile soprattutto per i timori “covid” che caratterizzano questa movimentata stagione agonistica. Lombardi ha deciso di partecipare per onorare lo sforzo degli organizzatori tanto ospitali e desiderosi di tornare alla normalità e vivere un week end all’insegna dell’amato sport motoristico, tanto sentito in terra sarda. Gara mai affrontata in precedenza e quindi tanto tempo speso sul percorso per memorizzare ogni minimo segreto fra tornanti e allunghi anche in marce alte.
Dalle due prove del sabato alle gare della domenica tante modifiche di rapporti e assetto, anche per approfittare della mancanza degli avversari diretti in campionato, per continuare a testare l’Osella PA21 JrB che in versione 1000 resta la variante più estrema e sensibile ad ogni regolazione. I tempi molto vicini alle 3000 ci fanno capire di essere ormai sulla strada giusta, da perfezionare i meccanismi di partenza sempre complicata con un motore che gira molto in alto, ma l’esperienza dei fratelli Petriglieri (LRM motors) ci rende tranquilli sulla soluzione. Sempre più a suo agio anche Carmine Napoletano col setting della vettura nonostante sia solo la quarta gara con questa versione. Ora bisognerà attendere i primi di Ottobre per la prossima sfida a Cividale (Ud), altra gara molto impegnativa sia per la lunga trasferta che per l’insidioso percorso, ma sarà l’ultima prima delle due finali a coefficiente aumentato di Sicilia e Calabria.