Tandalò incorona i vincitori della quarta edizione

Tandalò si conclude con i sorrisi di tutti. Arrivederci al 2020 con nuove sorprese.
La quarta edizione dell’unica cronoscalata su terra in Italia si è svolta da venerdì 11 a domenica 13 Ottobre nel Comune di Buddusò, nella splendida Sardegna dai colori autunnali.
Quest’anno erano in programma molte novità organizzative e sportive, grazie alla Regione Sardegna, ai Comuni di Buddusò, Alà dei Sardi, Padru, Pattada, Nule, Osidda e Golfo Aranci, la manifestazione ha potuto aumentare la proposta sportiva e turistica. Una delle più importanti novità è stata l’assegnazione della validità per il Campionato Italiano Velocità su Terra, oltre alla classica Atipica Sperimentale. Altra grande novità il “Manscione”.
La gara del Campionato Italiano Velocità su Terra é stata vinta da Marcello Gallo, un vero asso della salita che ha migliorato il suo tempo di prova in prova. Secondo Simone Firenze, anche lui su Kart Cross con un distacco di 9.42 secondi e terzo Tiramani Christian a 24.88 secondi, anche lui su Kart Cross.
La gara Atipica Sperimentale, alla base dell’evento, quest’anno prevedeva l’incoronazione del migliore di ogni specialità presente: Rally, Velocità Fuoristrada, Kart Cross e Open. Le sfide sono state molteplici tra italiani, spagnoli e monegaschi.
Alla fine i vincitori sono stati:
Per la categoria Rally primo assoluto Egisto Vanni – Pempori Rocco su Skoda R5 seguito da Marco Canu – Carlotta Piras su Mitsubishi Lancer Evo 9, terzi Andrea Carta – Antonello Corda su Skoda R5.
Per la categoria Velocità Fuoristrada il primo assoluto Duilio Lunardi su Can Am X3, secondo Pagani Luca su Polaris Razor e terzo il monegasco Renato Moscati su Nissan Taft Maserati.
Per la categoria Kart Cross il primo assoluto è arrivato lo spagnolo Jurado Abel, secondo un altro spagnolo Remuinan e terzo assoluto il portacolori della Buddusò Racing Antonello
Biancu.
Per la categoria Open vince Franco Canalis su Prototipo Suzuki, secondo Paolo Mele su Prototipo 4×4 Buggy e terzo assoluto Maurizio Baroni su Prototipo Kawasaki. Canalis è stato anche il più veloce per la gara Atipica anche se non era prevista una classifica assoluta complessiva.
Il Manscione, la vera gara del tutti contro tutti, ha visto la sfida delle migliori 20 auto suddivise in varie categorie. Una salita unica a tutto gas per aggiudicarsi il titolo più importante: il Re di Tandalò 2019. A vincerlo è stato Marcello Gallo con il suo Kart Cross, quest’anno in splendida forma ed imbattibile. Secondo è arrivato lo spagnolo Jurado a 1.05 e terzo Simone Firenze a 2.31.

A fine gara tutti i piloti ed i team hanno ringraziato per la bellissima esperienza, per l’accoglienza e la sportività. Questo è il vero piacere che dà forza alla macchina organizzativa, già in movimento per l’edizione 2020.
Un’altra novità è stata la diretta della gara su Facebook, un grande investimento che ha ripagato però tutti gli appassionati che hanno seguito la gara dal telefono e dal computer. Gli equipaggi e i singoli piloti in gara sono stati presentati dalla voce di Tommy Rossi, speaker di Radio Super Sound.
Venerdì è stata la giornata del “bagno di folla” ad Alà dei Sardi dove le scolaresche locali hanno assistito, accompagnati dai loro insegnanti, alle procedure delle verifiche, potendo così ammirare auto e bolidi in gara. Nel pomeriggio del venerdì la grande Cerimonia di apertura della 4° Cronoscalata di Tandalò nel centro di Buddusò, casa della gara, dove abitanti e curiosi hanno assistito alla cerimonia. Presenti le autorità dei Comuni coinvolti e l’associazione Tamburini e Trombettieri Città di Oristano che con i loro suoni hanno accompagnato le auto in gara sulla pedana del podio di partenza.
La grande famiglia di Tandalò quest’anno ha funzionato molto bene e tutti i servizi disposti sul percorso hanno garantito uno svolgimento lineare nonostante alcuni imprevisti.
L’organizzazione è riuscita grazie all’ottimo lavoro dei Commissari di Percorso, dei 4×4 sempre pronti, dello staff, dei cronometristi, dell’antincendio e decarcerazione, della Direzione Gara e tutti gli altri collaboratori che hanno dato il cuore per la buona riuscita.
Circa 100 persone senza le quali tutto ciò non sarebbe possibile. Il Villaggio Tandalò, allestito ad hoc per l’evento con maxi schermo per visionare i tempi delle prove, ha concesso momenti conviviali a piloti e team. Un luogo dove non solo visionare le proprie performance, ma colloquiare e condividere le proprie esperienze tra i piloti, Team e accompagnatori. Nella sala più grande, anche il palco dove poi si sono svolte le premiazioni. Oltre questa, la Sala Cronometristi, Segreteria, Sala Stampa e Collegio.
Tandalò è anche turismo, il territorio circostante ha avuto una importante ricaduta con numerosi Hotel e Bed and Breakfast al completo grazie alle prenotazioni di Team, addetti ai lavori, turisti e spettatori arrivati da lontano, ha dato il giusto premio anche alle attività locali.
Un grazie va ad Aci Sport che ci ha permesso di organizzare questa manifestazione aiutandoci sotto vari aspetti.
Numerosi i fotografi e giornalisti locali e dalla penisola che hanno seguito in loco la tre giorni iniziata il venerdì ad Alà dei sardi con e verifiche tecniche.

La Cronoscalata abbraccia anche la solidarietà e sostiene la Ricerca per la fibrosi cistica Onlus con la campagna #Correreperunrespiro. Nella giornata di domenica è arrivata anche la pilota e testimonial del progetto Rachele Somaschini.
Gli organizzatori drivEvent Adventure, Tandalò Motorsport e LRT Sardinia ringraziano tutti e danno appuntamento a tutti per il 2020, in mente ci sono altre novità che sveleremo nei prossimi mesi tramite il nostro sito e i canali social. Un grande in bocca al lupo al nostro Gigi Satta per una rapida guarigione dopo il fuoriprogramma di sabato.
Buddusò 15/10/19
Ufficio Stampa Cronoscalata Tandalò

X