Tiziano Brunetti, presidente della Speed Motor, traccia il bilancio della stagione 2021

Questo articolo è anche in formato audio

ANCORA TITOLI IN BACHECA E GIORNATE SEGNATE DA IMPORTANTI VITTORIE IN UN’ANNATA ANCORA CONDIZIONATA DAL COVID-19

Negli ultimi giorni del 2021 sono arrivate altre soddisfazioni per la Speed Motor. Rolando Bordacchini su Bmw 318 è il nuovo campione regionale umbro di velocità, la scuderia ha vinto anch’essa il titolo regionale e la Chevrolet Camaro 5700 di Dario Caso e Paolo Valeri è stata votata come auto più bella della Nascar Whelen Euro Series. Tre successi nel giro di ore, che hanno reso davvero più bello il Natale nella grande famiglia del team di Gubbio. “A quanto successo in ultimo – commenta con soddisfazione il presidente della Speed Motor, Tiziano Brunetti – dobbiamo aggiungere gli altri significativi risultati: la coppa nella classe 1600 del gruppo N conquistata da Vincenzo Ottaviani su Citroen Saxo nel campionato italiano di velocità in montagna, il titolo di Michele Materni fra le Bmw nel Trofeo Italia Classico e poi l’assoluto di Angelo Marino nella salita delle Svolte di Popoli, le ultime vittorie di Mirco Savoldi nel Master Tricolore Prototipi, la bella annata di Paolo Valeri da esordiente nella Nascar e il ritorno alla vittoria di Eric Nicchi con la sua Alfa Romeo Giulia nel campionato in salita delle auto storiche. Diciamo quindi che, ai titoli, debbono essere aggiunte anche le giornate di gloria vissute dai nostri piloti. Capitolo a parte per Sergio Farris, pilota che ha occupato la “top ten” nelle classifiche della velocità in montagna, ma che non è stato particolarmente assistito dalla fortuna. Conoscendo però il suo valore e il suo carattere, sono sicuro che riuscirà a riscattarsi”. Anche quest’anno, Speed Motor impegnata su più fronti. “Sì, il Campionato Italiano Sport Prototipi ha visto un Michele Fattorini in crescita, anche se mai è salito sul podio; nella Clio Cup Europe, che si è rivelata alquanto selettiva, per Alessio Alcidi e Daniele Pasquali è stata una stagione all’insegna dell’esperienza. Quanto basta per archiviare positivamente un anno ancora condizionato dal Covid-19, per quanto sia stato migliore del 2020. Ci siamo ripresi una buona fetta di normalità, ma bisogna fare di nuovo attenzione all’ondata di fine anno per non veder compromesso il 2022. Credo pertanto che la grande vittoria da ottenere per tutti sarà questa, ovvero cercare di battere una volta per tutte la pandemia; noi ci saremo anche il prossimo anno, con l’intenzione di vivere l’ennesima stagione da protagonisti: ringrazio perciò piloti, meccanici e staff tecnici per l’impegno e la professionalità che li hanno caratterizzati in ogni circostanza, valorizzando in questo modo l’immagine della Speed Motor. E a tutti auguro un buon 2022, sperando che sia l’anno buono per sconfiggere il virus”.

Ufficio stampa